Ok. Dopo aver capito come settare strategia, target e budget per un advertising su Twitter, è ora di capire come gestire la creatività. Andiamo al punto:

Il tuo target qui non è la massa,
bensì esperti, giornalisti, influencer

L’ho detto molte volte: il principale target che trovi su Twitter è quello mirato e mediato, non quello diffuso (che tendenzialmente sta su Facebook) > Leggi qui.

Ok, ma la (tua) domanda ora sorge sponteanea:

come si attraggono esperti e giornalisti?

Indicazioni strategiche

  1. dai un valore a questo tipo di target: anteprima, esclusività, focus e approfondimento. Non utilizzare la stessa strategia di contenuto usata su Facebook, non funziona;
  2. ragiona come un tweet organico > Punta su beneficio offerto per soddisfare un’esigenza latente. Fallo sempre: non dire “da oggi facciamo questo”, evidenzia piuttosto una notiziabilità peculiare: “siamo i primi in Italia a fare questo” o ancora meglio “da oggi investimenti più sicuri grazie a”
  3. usa pure (info)grafici > l’immagine insomma può avere testi (non siamo su Facebook, appunto). Pensala sempre sulla base del target specifico: ti stai rivolgendo a giornalisti? Usa il loro linguaggio visivo (e lascia il gattino, tramonto o persone fescion per il buon Facebook).

Indicazioni operative

  1. Crea sempre un tweet nuovo > Twitter ti spiega che “puoi promuovere dei Tweet esistenti o crearne di nuovi”. Ecco: non sponsorizzare mai un tweet organico;
  2. Utilizza sempre una Card > “Tutti i Tweet devono contenere un URL o una Website Card ” > Ecco: non usare mai un URL semplice;
  3. Usa immagini adeguate: massimo 3MB, consigliati i 1.200 x 628 pixel (almeno 600×335)

E ora #vamooos.

1 – INIZIA IL TUO TWEET SPONSORIZZATO

Beh, Twitter non si è sprecato nell’ottimizzare il web design: preferivo un bel tastino blu in grande, rispetto a questa modalità (la prima volta son stato 10 secondi a capire come comporlo) 😀
senza-titolo

2 – IL TESTO DELLA CARD

  • Testo del tweet: solo 116 caratteri per contestualizzare il “titolo” del tweet
  • Intestazione: è il “titolo” dell’adv. Quindi è la parte più importante. Attenzione: hai a disposizione 70 caratteri, ma controlla bene la visualizzazione sui devices perchè spesso l’intestazione viene troncata a 50 circa.
  • URL: mi raccomando, utilizza più possibile una landing o una pagina mirata e sinergica al contenuto che stai promuovendo!
  • Nome carta: è l’etichetta che serve solo a te (non verrà visualizzata) per ricordarti le caratteristiche di questa card (e riutilizzarla in futuro!)

Come utilizzare il testo del tweet e l’intestazione in modo sinergico? Scoprilo direttamente dall’immagine:

2

3) INSERISCI L’IMMAGINE

Qui abbiamo già detto molto prima.
Attenzione però: usa l’editor per impostare lo zoom migliore 😉

4

A PROPOSITO DI VISUAL…

Qualcuno mi ha chiesto perché non uso l’estensione (nel targeting) all’Audience Platform.
In motivi sono legati all’ottimizzazione della campagna e sono moltissimi. Ti pongo due riflessioni, poi ovviamente decidi tu sulla base dei risultati che ottieni:

  • fare “Twitter ADV” su Twitter ha senso, fare “Twitter ADV” fuori da Twitter (per me) no;
  • guarda qui sotto come appare (in siti esterni)

3

 

4) CREA UNA CAMPAGNA

Un consiglio su tutti: crea da 4 a 6 creatività diverse, monitora quale va meglio e valorizzarla.

5) ATTENZIONE! 

  • I “Tweet solo promossi” (nome orrendo per definire i tweet creati ad hoc per l’adv) vengono visualizzati “solo” dal target che tu profili e quindi appaiono nemmeno sul tuo profilo Twitter.
  • Ma quando ho gestito alcune campagne delicate (come il lancio del rating alle banche di tutto il mondo), li ho programmati solo dopo l’avvio della campagna. Infatti Twitter (in piccolo e con inchiostro molto simpatico) specifica che “sebbene siano efficacemente nascosti, i Tweet solo promossi sono pur sempre Tweet “in diretta”. Ciò significa che se nel tuo Tweet menzioni un utente Twitter (ad esempio “Ciao @Twitter“), questi riceve una notifica, inclusiva di un link al Tweet, che gli comunica che è stato menzionato. Inoltre, essendo in diretta, i Tweet solo promossi sono visualizzabili anche dai nostri partner per la gestione dei dati, i quali hanno accesso a tutti i Tweet in diretta a scopo di analisi”. (fonte)

Ho provato a darti altri spunti utili per Twitter ADV.
Cosa ne dici? Hai esperienze diverse?

Scritto da Gabriele Persi

Social Media Manager & Communication Specialist at AREA Science Park #innovation #socialmediamarketing #research #technologytransfer #business #SME http://www.area.trieste.it

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...